Skip to content

Scegli la tua lingua

Registrati

Ottieni le tue credenziali e accedi ai servizi di MyVg Community.

Contattaci

Se hai già ottenuto le credenziali accedi ai servizi di MyVg Community.

Chiudi

Intervista a Jacopo Mottes, vincitore del VisionOttica Award: “L’ottica e l’optometria una passione sin da quando ero piccolo”

Laureato all’Università degli Studi di Padova, il brillante e giovane bellunese ci racconta in una intervista il suo percorso e la sua passione per il mondo dell’ottica e dell’optometria che l’ha portato alla vincita del VisionOttica Award.

Ci racconti cosa ti ha portato a scegliere la Laurea in Ottica e Optometria per la tua formazione Universitaria

“Figlio d’arte, mi sono avvicinato fin da piccolo al mondo dell’ottica e dell’optometria, ambito che mi ha sempre affascinato. Dopo essermi diplomato al Liceo Scientifico ho deciso di seguire le orme di mio papà intraprendendo questo percorso di studi.”

Una tesi sull’Haidinger’s brush: sviluppo e test di uno strumento per l’indagine psicofisica di un fenomeno entoptico. Brevemente com’è venuta l’Idea e qual è l’obbiettivo e il contributo che hai voluto dare in quest’ambito.

“L’argomento è stato proposto, in realtà, dai miei due relatori, il Prof. Ruffato Gianluca e la Prof.ssa Ortolan Dominga. Subito mi ha colpito per diversi motivi: in primo luogo è un tema non molto conosciuto e poco presente in letteratura scientifica, questo lo rende un argomento interessante e con possibilità di indagine di nuovi aspetti.

Un’altra cosa che mi ha attratto è l’interdisciplinarità della tesi. Infatti, oltre al campo dell’optometria mi ha permesso di spaziare sulla fisiologia, sull’anatomia, sulla fisica, sull’elettronica e soprattutto sulla psicofisica.

Sicuramente i risultati ottenuti dallo studio condotto durante il lavoro di tesi sono solo l’inizio di un’indagine più approfondita che dovrà essere fatta anche su altri aspetti del fenomeno. Penso che il contributo che ho potuto dare in questo ambito sia porre un punto di partenza per eventuali studi successivi e magari nel portare maggiore interesse verso il fenomeno degli Haidinger’s brush e sull’utilizzo di questo come metodo di indagine di anomalie maculari.”

Cosa ha rappresentato la vincita del primo premio del VisionOttica Award?

“Vincere il Vision Ottica Award è stata una grande soddisfazione. È stato stimolante mettersi a confronto con gli altri laureati in Ottica e Optometria in Italia nel 2021/2022 e mi ha fatto piacere che il mio lavoro di tesi sia stato apprezzato dalla commissione.”

Parliamo di formazione, quanto è importante e se hai riscontrato attenzione e supporto da parte del settore in tale ambito.

“La formazione è fondamentale nel campo dell’optometria. Le innovazioni sono tante e bisogna sempre aggiornarsi per esercitare la professione al meglio. Dalla mia esperienza penso ci sia abbastanza attenzione e supporto da parte del settore in questo ambito.”

Un consiglio ai giovani che vogliono intraprendere il corso di Laurea in Ottica e Optometria

“Penso che la laurea in Ottica e Optometria sia un percorso di studio molto valido. Il consiglio che mi sento di dare è quello di intraprendere questa strada con passione e con voglia di mettersi in gioco.

Quali prospettive vedi e vorresti per il futuro.

“Al momento ho cominciato a lavorare nel negozio di famiglia, perché ritengo che formazione ed esperienza vadano di pari passo in questo mondo. In autunno farò l’esame di abilitazione alla professione di ottico e successivamente deciderò come proseguire, sicuro che la continua formazione sia fondamentale in questo settore.”

Categorized: News